InfoSannioNews.it – 18/12/2017

Il geologo Mario Tozzi incanta tra musica e racconti del Mediterraneo

“Una serata affascinante tra racconti e suoni di un Mediterraneo a noi cosi vicino. Artefici di tale iniziativa l’associazione Ponte.Live che ha organizzato nel salone parrocchiale “Santa Generosa Vergine e Martire” del comune sannita di Ponte, lo spettacolo “Mediterraneo, le radici di un mito”.

Il noto geologo e volto televisivo Mario Tozzi ed il sassofonista jazz Enzo Favata hanno incantato il folto pubblico presente. Il famoso divulgatore ha narrato a braccio per un’oretta circa di storie e miti tanto lontani da noi e li ha “smontati”, cercando in essi delle spiegazioni razionali, legate alla scienza e alla storia della Terra. Le eleganti ed evocative sonorità jazz dell’artista sardo hanno accompagnato l’accurata ed istruttiva esposizione del ricercatore del CNR, lasciando il tempo di fantasticare e riflettere sulle verità dette.
Si è partiti dalla storia mitologica di una grande inondazione mandata dalle divinità per distruggere la civiltà come atto di punizione divina: il diluvio universale. E ancora il mito legato agli stati di trance delle sacerdotesse, la più famosa delle quali si chiamava Pizia nel santuario di Delfi. Senza tralasciare la religione, con le apparizioni e i messaggi di Lourdes rivolti alla giovane Bernadette, legati forse all’utilizzo di sostanze psicotrope. Poi l’argomento scottante ed attuale dei dannosi terremoti ed il confronto con un Paese simile al nostro, il Giappone.
È emersa, con punte di amara ironia, una diversa cultura della sicurezza ed un differente approccio alla cultura sismica. Una chiosa critica, ma fondamentalmente vera sul nostro Belpaese impegnato a credere al fatalismo degli eventi naturali, anziché adoperarsi ed impegnarsi a costruire bene. Si è chiesto in seguito: “Perchè le catastrofi ci interessano e ci condizionano cosi tanto? perché siamo figli delle catastrofi e nessun figlio si può dimenticare dei propri genitori”. Infine, il mistero riguardante Atlantide, oltre le Colonne d’Ercole e che secondo alcuni sarebbe un continente inabissatosi migliaia di anni fa nell’Oceano Atlantico. Forse, indagando, si potrebbe trattare di un’isola del Mediterraneo come la Sardegna. Applausi meritati per questo incontro a due tra uno scienziato della terra ed un musicista, i quali hanno proiettato nella mente dei partecipanti il loro film senza immagini.

By Emilio Spiniello di INFOSANNIONEWS.IT

Il geologo Mario Tozzi incanta tra musica e racconti del Mediterraneo

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*